Trenino Wilson

Sensori Il giocattolo è dotato di un telecomando con due pulsanti che controllano, tramite segnali a radio frequenza, la rotazione e l’avanzamento del trenino. L’adattamento ha come obiettivo controllare le stesse funzioni dei pulsanti tramite due sensori esterni adatti alle funzioni motorie del bambino.

Veicolo radio-comandato I veicoli (macchinine, trenini ecc.) possono avere un controllo in radio-frequenza o a raggi infrarossi (come per il telecomando della televisione). Nel primo caso il controllo può avvenire anche con la presenza di ostacoli tra il radio-comando ed il veicolo. In questo caso non è però mai possibile utilizzare dei telecomandi IR programmabili in alternativa al comando standard.

Gioco simbolico cooperativo Il tipo di giocattolo a prima vista sembra adatto ad un’attività di esplorazione senso-motoria solitaria (il bambino utilizza il telecomando da solo per far muovere il veicolo), ma in questo caso l’adulto aiuta a strutturare un’attività di tipo simbolico tra più bambini riproducendo e rielaborando le vicende del cartone animato di cui Wilson è uno dei personaggi.

Funzioni correlate Sebbene obiettivo primario dell’attività di gioco sia il divertimento ed il piacere spontaneo questa attività favorisce lo sviluppo di alcune importanti funzioni del bambino. Riprendendo la terminologia ICF-CY (Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute nella versione per Bambini e Adolescenti)  l’attività può favorire le seguenti funzioni:

  • funzioni attentive, in particolare l’attenzione condivisa sull’attività di gioco con gli altri giocatori (“guarda dove va Wilson …”, “ecco là i suoi amici …”, “attento, attento, è successo un disastro ferroviario”);
  • funzioni psicomotorie, come il controllo dei movimenti utilizzato per l’attivazione dei sensori, la coordinazione tra lo stimolo visivo e il movimento di pressione dei sensori, l’organizzazione dei movimenti di attivazione dei sensori in funzione dell’obiettivo;
  • funzioni di percezione viso-spaziale, come la sperimentazione dei concetti avanti-indietro, destra-sinistra, davanti-dietro, lontano-vicino, ecc.;
  • funzioni cognitive di livello superiore come l’astrazione, l’organizzazione e pianificazione, la gestione del tempo, la flessibilità cognitiva;
  • funzioni del linguaggio, in ricezione ed in produzione con linguaggio,  gesti o tramite tabelle simboliche.

 

Apprendimenti  Il gioco è un mezzo di apprendimento. Nell’attività resa possibile dall’utilizzo del giocattolo adattato (ma genericamente anche da giocattoli speciali simili) il bambino se opportunamente stimolato può sviluppare:

  • l’apprendimento attraverso il gioco simbolico
  • l’acquisizione del linguaggio
  • l’acquisizione di concetti di base
  • la capacità di completare un compito complesso
  • la capacità di comunicare (comprendere, parlare, comunicare tramite simboli riguardo all’attività di gioco).

 

Altre idee.

Il movimento libero del treno nell’ambiente può essere sostituito da un percorso obbligato, realizzato per esempio con i mattoncini LegoDUPLO. In questo modo si spinge il bambino a controllare con maggiore precisione i movimenti del veicolo. Lungo il percorso possono essere messi personaggi od oggetti per arricchire il gioco di contenuto simbolico.

Nel caso sia possibile per il bambino attivare un solo sensore, si può prima strutturare un’attività di tipo cooperativo in cui un secondo giocatore, bambino o adulto, controlla uno dei movimenti del trenino ed i due giocatori devono coordinare le loro azioni per un obiettivo comune.

File correlati.

E’ possibile scaricare le istruzioni per eseguire l’adattamento. Istruzioni